F1 23 Videoanalisi – Abu Dhabi | Giampiero Paciotta

Ciao Top Driver!

Benvenuto in un nuovo articolo del blog realizzato in collaborazione con il Coach ADT Giampiero Paciotta.

Oggi ti mostriamo nel pratico come si svolge una nostra Videoanalisi.

Scoprirai cosa sia, come avvenga e soprattutto i consigli del Coach per migliorare l'esecuzione delle traiettorie durante il giro.

Per quest'esempio, ci troviamo ad Abu Dhabi, sul circuito di Yas Marina.

Impara ad affrontare ai raggi X il rinnovato tracciato orientale.

Iniziamo con la videoanalisi.

Curva 1:

Punto di frenata in corrispondenza del cartellone verde, corretto.

Si frena al 100% in maniera molto repentina.

Nell'arrivare al 100%, il Pilota non è rapido come dovrebbe essere, lascia troppo spazio e non raggiunge il massimo della frenata.

Deve velocizzare la pressione sul freno.

L'inserimento in curva è stato troppo anticipato.

La vettura va inserita dopo il cartellone verde e il segnalatore di bandiera.

Poi, ingresso scalando velocemente sino in quarta marcia.

Male il fatto che il Pilota freni e acceleri contemporaneamente.

In questo modo, la vettura non rallenta bene.

La vettura va portata al punto di corda, situato prima del bump rosso, per poi accelerare subito richiamando un 60% di pressione in quarta.

Poi, short-shift in quinta e si aumenta il gas.

Curva 2-3-4:

Le gomme non vanno messe sulla parte sinistra di questo cordolo, in quanto presenta una superficie irregolare e rialzata.

In gara, con gomme usurate, è semplice avere problemi.

Curva 5:

Qui come curva 1.

Si arriva a stento al 100% di frenata.

Il punto di staccata è corretto, ma si deve essere più rapidi e incisivi nell'arrivare full-freno.

Si tratta di un'azione fulminea: si preme il freno arrivando subito al 100%.

Terza marcia corretta, ma l'esecuzione della curva è insufficiente.

Il punto di corda è stato mancato a causa di un richiamo del gas troppo in anticipo.

Qual è stata la conseguenza?

Un volante bloccato, fermo nella posizione dell'immagine sovrastante.

Avvicinandosi all'apex, il Pilota dovrebbe chiudere il volante portando la vettura dentro la curva.

Deve far ruotare quella monoposto, sfiorando il cordolo di sinistra (senza salirci sopra).

Poi, gas al 60% in terza iniziando a riaprire il volante, facendo ruotare il posteriore.

OK l'uscita, male l'entrata.

Da migliorare tutta la fase di ingresso.

Curva 6-7-8:

Punto di frenata troppo anticipato.

Si deve cominciare a frenare in corrispondenza del cartellone nero, non prima.

Scalata in terza portando dentro la vettura.

Qui, il punto di corda viene preso, ma...

...ancora una volta con volante bloccato!

Il volante va chiuso verso sinistra, altrimenti la rotazione della vettura risulterà insufficiente.

Inoltre, va dato subito il gas al 50%, altrimenti il posteriore non segue il movimento del Pilota.

Aggancio della vettura con il gas in terza marcia per portarla fuori.

Al cambio di direzione, in inserimento, è stata persa la linea.

Non è stato dato l'input corretto in ingresso né tantomeno è stato effettuato un giusto aggancio del gas.

Nel brevissimo tratto tra le due curve, va dato gas sino al 90% per poi alzare il piede senza toglierlo completamente dal pedale.

40% di gas mentre si passa sul cordolo, per poi ridare di nuovo spinta.

Inoltre, va innestata la quarta marcia.

In conclusione, si è arrivati corti perché il cambio di direzione è stato lento e in uscita troppo gas è stato tolto.

Va lasciato un 30-40% di gas quando si passa sul cordolo, poi il pedale va pestato nuovamente non appena si comincia la fase di riallineamento.

Curva 9:

Mediocre l'inserimento.

Si frena dopo, mentre il Pilota stacca, con le ruote dritte, al 90% per poi inserire il veicolo in curva.

Di fatti, rispetto al suo precedente best, il delta comincia a scendere.

Primo input a pieno gas in ottava sino alla posizione in foto.

Qui, frenata e scalata sino in quinta (o quarta) marcia.

Poi, aggancio, quinta e man mano che si riallinea il volante, full-gas.

Curva 10-11-12-13-14:

Buone le linee tra curva 10 e curva 12 (quella esposta in foto).

Il problema è che è stata anticipata la frenata di curva 12.

Va frenato in corrispondenza della scritta Amazon.

Si deve frenare al 100%, ma neanche questa volta ci si arriva.

Corretta la terza marcia.

Il Pilota deve portare dentro l'auto durante la frenata per poi agganciarla subito al 50% di gas in terza.

In approccio del cambio di direzione, si apre il volante e si arriva quasi full-gas.

Qui si alza il piede, ma non troppo.

40% di gas e quarta velocità, altrimenti si rischia di far perdere giri al motore e "ucciderlo".

Qui, è stato cavato troppo gas.

Va lasciata una quantità costante sino al punto di corda.

La tecnica del telegrafo va evitata per non perdere efficienza.

Il piede va alzato mantenendo un 50% di gas in quarta.

Poi spingi il piede sull'acceleratore con modularità sino al 100%.

Si deve arrivare flat-out in quarta.

Curva 15:

Va innestata la settima.

Inoltre, si può tagliare un po' passando sul cordolo interno.

Di fatti, si è arrivati corti in quanto è stata tirata troppo la sesta.

Auto larga, in uscita, sul cordolo di sinistra, per aumentare la velocità di percorrenza e per impostare bene l'ultima e decisiva curva.

Curva 16:

Rapida frenata al 100%.

Quarta velocità al punto di corda senza tenere fermo il volante come questo Pilota ha fatto nuovamente.

La curva va chiusa di più, anche perché va dato gas velocemente in uscita per farla ruotare in vista del traguardo.

Il punto in cui è stato dato gas è corretto, ma si deve stare più a destra, passando sopra il cordolo e generando extra-rotazione in fase di aggancio.

Il giro si chiude in 1:22.565.

Oltre 1 secondo di distacco dai tempi dei migliori, c'è ancora tanto su cui progredire.

Tutto sommato, però, è stato un buon giro.

Puoi guardare questa video-analisi anche sul nostro canale YouTube:

Ricorda che andare forte su F1 è un processo lento, delicato e faticoso.

Devi impegnarti duramente e investire su te stesso se vuoi ottenere i risultati a cui aspiri in pista e raggiungere i tuoi obiettivi.

In pista NON sei l'impiegato, l'avvocato, il salumiere, l'operaio, il padre di famiglia, lo studente della vita di tutti i giorni.

Sei un Pilota e come TALE devi agire, girando, girando e girando, con perseveranza e dedizione.

Vedrai che i risultati arriveranno, se adotti un Metodo, un Sistema ben collaudato e studiato appositamente per TE.

Immagina il brivido, la scossa di adrenalina che si prova quando si porta al limite la propria vettura e arrivi per primo al traguardo di una corsa.

Immagina la felicità, la botta di orgoglio e di autostima che avrai quando raggiungerai tutti i tuoi obiettivi su F1.

Immagina di poterti rivedere in pista, mentre ottieni un Podio o vinci una Gara.

Non sarebbe bello essere in grado di fare DA SOLO tutto ciò che vuoi, come ottenere pole e vittorie, vincere campionati?

Noi siamo in grado di aiutarti sia nel darti tutti gli strumenti e le conoscenze necessarie per portarti ad essere un Pilota forte, veloce e consapevole delle proprie capacità, fornendoti un percorso di miglioramento cucito su misura per TE.

Noi siamo ADT Esports Academy, la prima accademia di F1 a livello mondiale.

Con oltre 15 anni di esperienza nel SimRacing, abbiamo aiutato più di 1900 piloti a rivoluzionare il loro stile di guida su F1, con alcuni che hanno raggiunto i campionati Esports.

Altri hanno semplicemente iniziato a divertirsi, migliorato le loro prestazioni e vincere gare/campionati.

Se vuoi davvero migliorare su F1, sei nel posto giusto!

Prenota una Consulenza Gratuita con un nostro Tutor!

Si tratta di una videochiamata GRATUITA nella quale analizzerai ai raggi X, insieme al Tutor, la tua situazione su F1: i tuoi problemi, i tuoi obiettivi, la tua passione, il tempo a tua disposizione.

Successivamente, se ci saranno le condizioni, imposteremo un programma di allenamento insieme ad ADT che ti porterà ad avere un miglioramento netto delle tue prestazioni!

Noi di ADT lavoriamo con il cronometro, uno strumento di valutazione che non dice mai bugie.

Il cronometro è lì, e se non segna un tempo migliore significa allora che non siamo stati in grado di farti migliorare.

Quindi, non abbiamo nulla da nascondere: o ti facciamo abbassare i tempi…o ti facciamo abbassare i tempi lo stesso!

Un saluto e nel dubbio tieni giù!

ALTRI ARTICOLI:

ALTRI ARTICOLI: